Alimentazione · Salute

Etichetta degli alimenti: sai cosa sono gli allergeni e come riconoscerli?

Hai notato che spesso, quando acquisti un prodotto alimentare al supermercato, tra la lista degli ingredienti trovi alimenti evidenziati?

Magari scritti così:

Cattura

Lo avrai sicuramente notato. Il Regolamento relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti  ai consumatori ha obbligato, fortunatamente, tutti i produttori a mettere bene in evidenza, in etichetta, tutti gli alimenti con provate e riconosciute proprietà allergizzanti.

Il Regolamento riconosce come alimenti allergizzanti:

  • Cereali contenenti glutine (grano, orzo, segale, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati)
  • Crostacei e derivati
  • Uova e derivati
  • Pesce e derivati
  • Arachidi e derivati
  • Soia e derivati
  • Latte e derivati
  • Frutta con guscio (mandorle, nocciole, noci, anacardi, pistacchi)
  • Sedano e derivati
  • Senape e derivati
  • Sesamo e derivati
  • Anidride solforosa e solfiti (in concentrazione superiore a 10 mg/kg o mg/l)
  • Lupini e derivati
  • Molluschi e derivati

Ma….Come fanno a scatenare una reazione allergica?

Questi alimenti contengono delle particolari proteine, dette allergeni, le quali sono in grado di scatenare una risposta da parte del sistema immunitario. Questa risposta, che si verifica subito dopo l’ingestione dell’alimento a cui si è allergici, può essere più o meno grave: da una semplice dermatite ad un vero e proprio shock anafilattico.

Shock-anafilattico-da-allergia-alimentare-esseredonnaonline-4-2

E’ proprio per questa capacità di scatenare delle risposte da parte del sistema immunitario, anche gravi, che gli alimenti allergizzanti devono essere ben evidenti al consumatore in quanto possono rappresentare un vero e proprio rischio per la sua salute. E’ chiaro che, se un soggetto non è allergico a questi alimenti, non vi è nessun rischio per la sua salute.

Attenzione:

E’ bene, però, specificare che tutti gli alimenti possono potenzialmente causare allergie alimentari. Con questo non si cerca di creare farsi allarmi ma è bene sapere che una reazione allergica agli alimenti, anche un semplice arrossamento della cute in seguito all’ingestione di un alimento, deve essere meglio indagata grazie all’aiuto del proprio medico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.